Skip to content

Seven Space

Ecobonus 110%

Seven Space è in grado di fornirti tutta l’assistenza necessaria per farti usufruire degli incentivi statali.

Seven Space

Ecobonus 110%

Seven Space è in grado di fornirti tutta l’assistenza necessaria per farti usufruire degli incentivi statali.

Per accedere all’importante detrazione del 110% prevista per alcuni interventi ben definiti, il decreto Rilancio richiede che siano soddisfatti alcuni requisiti di natura squisitamente progettuale e tecnica che coinvolgono profondamente in termini culturali, professionali nonché di responsabilità civile e finanziaria, i progettisti (architettonico e termo-tecnico). È pertanto importante che il progetto e i progettisti siano il centro riconosciuto del procedimento di accesso al Superbonus, e che non lo diventi, invece, la componente economico-finanziaria.

Superbonus, guida operativa dallo studio di fattibilità

Ribadiamo che per accedere all’importante detrazione del 110% prevista per alcuni interventi ben definiti, il decreto Rilancio richiede che siano soddisfatti alcuni requisiti di natura squisitamente progettuale e tecnica che coinvolgono profondamente in termini culturali, professionali nonché di responsabilità civile e finanziaria, i progettisti (architettonico e termo-tecnico). È pertanto importante che il progetto e i progettisti siano il centro riconosciuto del procedimento di accesso al Superbonus, e che non lo diventi, invece, la componente economico-finanziaria.

La propaganda per l’adesione al decreto Rilancio è stata giocata sullo slogan “ristruttura-a-gratis” e questo ha generato nei cittadini aspettative che saranno, nella maggioranza dei casi, disattese. Con il decreto Rilancio non si “ristruttura-a-gratis” ma si può usufruire di un buon aiuto economico (sotto la forma di detrazione d’imposta, sconto in fattura o cessione del credito) per le opere che prevedono una diminuzione del fabbisogno energetico degli edifici.

Superbonus, come fare lo studio di fattibilità

Con lo studio di fattibilità il progettista potrà verificare preliminarmente se l’edificio e i committenti possiedono i requisiti richiesti dall’art. 119 del decreto Rilancio per l’accesso alla detrazione. Se tutte le verifiche risulteranno soddisfatte allora si potrà procedere con il progetto preliminare, altrimenti il percorso si concluderà subito.

Step 1 - Verifica della tipologia dell'edificio

Obiettivo:
verificare se la tipologia dell’edificio è compresa fra quelle che possono accedere alla detrazione.

Operazioni previste:
1. rilevare la conformazione dell’edificio, gli accessi, il numero delle unità immobiliari;
2. informazioni sulle singole proprietà;
3. informazione sulla suddivisione in millesimi di proprietà;
4. informazioni sulle suddivisioni catastali.

Step 2 - Verifica della tipologia dell'edificio

Obiettivo:
verificare se la tipologia dell’edificio è compresa fra quelle che possono accedere alla detrazione.

Operazioni previste:
1. rilevare la conformazione dell’edificio, gli accessi, il numero delle unità immobiliari;
2. informazioni sulle singole proprietà;
3. informazione sulla suddivisione in millesimi di proprietà;
4. informazioni sulle suddivisioni catastali.

Ricordiamo che secondo l’art. 119 |15-bis: «Le disposizioni del presente articolo non si applicano alle unità immobiliari appartenenti alle categorie catastali A/1, A/8 e A/9».

Step 3 - Verifica della tipologia dell'edificio

Obiettivo:
Verificare se l’edificio risulta “esistente” secondo quanto stabilito dalla Agenzia delle Entrate.

Operazioni previste:
1. visura catastale;
2. reperimento delle ricevute di versamento dell’imposta comunale ICI/IMU.

Step 4 - Verifica della legittimità degli edifici

Obiettivo: 
verificare la legittimità catastale, urbanistica ed edilizia. Dato che va presentata una pratica edilizia, si deve risalire al progetto di costruzione e delle pratiche di modifica dello stato di fatto perché la detrazione si può godere solo se il fabbricato risulta legittimo.

Operazioni previste:
1. accesso presso il catasto per richiedere visura, quadro dimostrativo dei subalterni, piantine di tutte le unità immobiliari;
2. nel caso accedere all’archivio storico del catasto;
3. richiesta all’archivio del SUE dei precedenti autorizzativi, pratiche di condono, sanatorie, art. 26 l.47/1985, pratiche DIA, SCIA, CIL, CILA;
4. rilievo dello stato attuale del fabbricato
5. confronto dello stato attuale con lo stato legittimo;
6. verifica di eventuali tolleranze;
7. procedere con eventuali sanatorie per legittimare lo stato attuale.

Ricordiamo che il testo unico dell’edilizia il D.P.R. 380/2001 dispone che non possano accedere alle detrazioni fiscali gli edifici non legittimati.

Step 5 - Verifica dell'esistenza dell'impianto di riscaldamento

Obiettivo: 
per accedere alla detrazione è necessaria la presenza di un impianto termico.

Operazioni previste:
1. verificare la presenza di un generatore di calore;
2. fotografarlo prima di un eventuale smontaggio;
3. verificare che in precedenti APE si faccia riferimento alla presenza o all’assenza di un impianto termico.

Step 6 - Verifica se i soggetti possono accedere alla detrazione

Obiettivo: 
verificare se i soggetti committenti sono nelle condizioni legali e fiscali di poter accedere alle detrazioni.

Operazioni previste:
1. verificare la presenza di un generatore di calore;
2. fotografarlo prima di un eventuale smontaggio;
3. verificare che in precedenti APE si faccia riferimento alla presenza o all’assenza di un impianto termico.

Step 7 - Individuazione degli interventi utili e possibili

Obiettivo:
l’art. 119 presenta gli interventi che possono accedere (con condizioni) alla detrazione. Gli interventi possibili sono molti e variegati e possono essere variamente combinati tra loro. Prima di procedere al progetto è bene annotarsi quali interventi non risultano possibili per situazioni contingenti.

Operazioni previste:
studiare uno a uno, con attenzione, tutti gli interventi che possono accedere alla detrazione, approfondendo e verificando la possibilità di ottemperare alle richieste e ai requisiti posti come condizione.

Step 8 - Progetto preliminare

Obiettivo:
nella seconda Fase Operativa il progettista comincerà a redigere il progetto preliminare che, combinando in modo oculato i mezzi messi a disposizione dal DL Rilancio, dovrà soddisfare i requisiti tecnici previsti, in particolare il salto di due classi energetiche e il soddisfacimento dei requisiti minimi previsti per l’Ecobonus.

Operazioni previste:
1. rilievo puntuale dello stato attuale: dimensioni esterne e interne, stratigrafie, infissi, materiali, ponti termici, impianto termico (generatore, distribuzione, terminali);
2. eventuali indagini con termocamera per individuare elementi o impianti nascosti, punti problematici, ponti termici;
3. eventuale indagine con blower door test per individuare spifferi da scatole, infissi, cassonetti;
4. redazione dell’APE ante-intervento;
5. diagnosi energetica per individuare i punti deboli del fabbricato sui quali intervenire;

6. prima redazione progettuale con ipotesi d’intervento e materiali;
7. redazione dell’APE post-intervento e verifica del doppio salto di classe;
8. nel caso, modificare il progetto e ripetere il calcolo APE fino al doppio salto di classe;
9. verifica del rispetto di tutti i requisiti per la detrazione fiscale delle parti oggetto di modifica;
10. verifica del rispetto dei requisiti minimi (d.m. 26 giugno 2015 requisiti minimi);
11. capitolato delle opere con preziario per verificare se la spesa prevista rientra nell’importo detraibile.

Seven Space è al tuo servizio

La nostra sede è a Busto Garolfo, nell'hinterland milanese, prendi subito un appuntamento, senza impegno, per una consulenza su misura per te.

Seven Space è al tuo servizio

La nostra sede è a Busto Garolfo, nell'hinterland milanese, prendi subito un appuntamento, senza impegno, per una consulenza su misura per te.